Bruno Scuotto – Vicepresidente Nazionale per l’Education e la Formazione

Bruno Scuotto nella  lunga esperienza come rappresentante delle Piccole Imprese ha sempre portato quelle istanze che gli vengono dall’essere capo di un’impresa che  nasce con un core business elettrico per essere poi trasformata dal mercato, nel corso degli anni, in un’attività di impiantistica generale. Per i primi trenta anni è stata un’azienda quasi sempre orientata al mercato privato, mentre nella seconda metà della sua vita si è ampiamente aperta a quello dei valori pubblici.
La cultura della formazione ha avuto un’impennata anche all’interno della sua azienda. Scuotto afferma, infatti, di essere ricorso ai fondi di Fondimpresa. L’esperienza positiva è stata quella di capire come era l’organizzazione attuale dell’impresa e quali potevano essere i punti di caduta, tutto questo partendo da un ascolto e successivamente andando a fare una formazione che non si è limitata all’aspetto meramente organizzativo, cioè di ruolo e di interfaccia con gli altri, ma anche di comunicazione e di collaborazione, due elementi che sembrano  essere scontati nelle piccole imprese.
Esiste, però, una difficoltà enorme di diffusione della conoscenza e della cultura dei fondi interprofessionali, spesso considerati dagli imprenditori come dei percorsi formativi di eccellenza e quindi non prioritari. Solo chi li utilizza conosce bene come sia semplice attivarli attraverso delle convenzioni e quanto siano importanti per una formazione lifelong learning e dunque una formazione continua e per tutta la vita professionale.

Categories: Interviste